Orca 50

Il progetto di "ORCA 50" nasce sull'esperienza di "Nemo 33", la piscina di Bruxelles oggi detentrice del primato di più profonda al mondo; come a Bruxelles il funzionamento dell'intera struttura sarà basato sulle energie rinnovabili (fotovoltaico, pannelli solari, sonde geotermiche, pompe di calore, ecc.), che ne assicureranno il sostentamento energetico.

Ma, diversamente dalla Nemo, non si vuole realizzare una semplice scatola (capannone), con una piscina molto fonda all'interno, quanto un complesso polifunzionale, costruito intorno alla vasca e che possa risultare economicamente vantaggioso per chi lo gestirà.

E' per questo che il "vestito" dell'edificio non è un semplice capannone, ma vuole risultare più attraente per focalizzare l'attenzione del pubblico.

Ed è per realizzare questo obiettivo che nel complesso troveranno spazio molte altre strutture a corredo della piscina e non, quali un'unità iperbarica d'emergenza (nulla vieterebbe, però, di sviluppare un vero e proprio Centro Medico Iperbarico in loco), una zona a piano vasca per l'affitto di attrezzature per l'immersione, con relativa stazione di ricarica bombole, una slitta posizionata nel cilindro profondo 50 metri e vari cavi per la discesa in assetto variabile e costante in apnea, il simulacro di elicotteri, automezzi e imbarcazioni da tuffare in acqua dall'alto tramite un braccio meccanico, per l’addestramento al soccorso in mare della Protezione Civile e dei Vigili del Fuoco, un piccolo e semplice relitto nella parte profonda venti metri per le immersioni dei subacquei e una piscina piccola, con acqua calda termale, per i bimbi e la fisioterapia. La spettacolarità della struttura sarà valorizzata, esternamente al piano vasca, anche da un sistema di telecamere che diffondano su alcuni maxi schermi disposti nelle aree aperte al pubblico del complesso, le immagini di quanto accade nella parte fonda della vasca e nell'acquario.

 

Inoltre, vi saranno una palestra per il fitness con una zona SPA, un museo dell'apnea e della subacquea ed un centro commerciale, due bar, un ristorante, una sala congressi ed aule didattiche, una passerella sospesa per la visita e la spettacolare visione dall'alto della vasca e del complesso, tribune per godere delle manifestazioni sportive e un bell'acquario tropicale, che accolga il pubblico all'ingresso, ma visibile anche ai subacquei in immersione nella piscina e grandi vetrate ed oblò, affacciati nell'acqua per consentire a chiunque un immediato colpo d'occhio all'interno delle profondità della vasca, sia dall'ingresso che dalla palestra, dal bar, dal ristorante e dai negozi.

 

La vasca, della normale dimensione di 25 x 12,5 metri, sarà organizzata a balze digradanti fino a che, dalla più fonda a quota - 20, si potrà discendere nel cilindro, del diametro di 5 metri, che raggiungerà i - 50.

 

Per salvaguardare l'incolumità dei nuotatori in primis e dei subacquei poi, la vasca avrà, sul fondo della balza dei - 2.5 metri, due paratie scorrevoli orizzontalmente che possano coprire le balze più fonde, in modo che, quando non è utilizzata la fossa, si possa usare l'intera vasca in sicurezza, con una profondità non superiore a quella di una qualunque piscina. 

Anche sul fondo della fossa, adeguatamente illuminata, sarà posizionato un doppio fondo mobile, che possa risalire più o meno velocemente fino a livello vasca, portando con se eventuali subacquei od apneisti in difficoltà. 

Inoltre, vi sarà un costante monitoraggio tramite videocamere che sorveglieranno l'intero sviluppo della fossa e di chi la utilizza e delle parti più profonde della vasca.

Oltre ai subacquei, i fruitori della vasca potranno essere anche le scuole ordinarie ed il normale pubblico dei corsi di nuoto e le svariate didattiche sportive che necessitano degli spazi acqua, le aziende specializzate nel settore della subacquea, magari per test in condizioni stabili e controllate, la DAN Europe (Divers Alert Network), il CNR, svariati enti pubblici che svolgano attività in ambito subacqueo per realizzare simulazioni e/o manovre di addestramento (Protezione Civile, Esercito e Marina, Vigili del Fuoco, Guardia Costiera, etc.), università e istituti di ricerca, case di produzione cinematografica, riviste specializzate di subacquea, compagnie aeree e spaziali ed altro ancora.

 

Si cerca ora chi possa trasformare questo progetto in realtà, qualcuno che abbia l'ambizione di costruire la piscina più profonda del mondo, sperando che possa essere in Italia!

 

 

 

    Caratteristiche salienti della piscina: 

 

-    lunghezza vasca: 25 metri;

-    larghezza vasca: 12,5 metri;

-    profondità minima: 1,5 metri;

-    profondità massima: 50 metri;

-    volume della vasca: 2.245 metri cubi,

      pari a 2.245.000 litri.

 

 

 

 

I Progettisti:     

 

Architetto Federica De Marchi

                        

Architetto Tito Gorno

 

Il Consulente:  Ingegner Fabio Fabiano

  • Instagram
  • Facebook Icona sociale